Un’intervista a Jim Morris

LA TENSEGRITA’ DI CARLOS CASTANEDA

conduttore del prossimo EVENTO DI TENSEGRITA’ A ROMA

Jim Morris, il cui nome francese è Guilhem Morera, è un Istruttore associato di Tensegrità e l’autore del libro: «La cartomanzia degli antichi Magi». Jim ha iniziato a praticare la Tensegrità nel 1998. Ora lavora come co-organizzatore di eventi per Cleargreen e collabora regolarmente con loro nei Seminari di Tensegrità e nelle Pratiche Intensive in Europa.

Può parlarci un po di lei e di come ha scoperto la Tensegrità?

Ho scopertto i libri di Carlos Castaneda quando avevo 20 anni e questo ha rivoluzionato la mia vita.

Sono rimasto agganciato alla descrizione della realtà che lui proponeva. Il maestro di Carlos Castaneda, un indio Yaqui della provincia di Sonora in Messico e di Yuma in Arizona, conosciuto con il nome di don Juan Matus, diceva che il cambiamento deve avvenire prima all’interno di noi stessi e che se non vogliamo sentirci come delle foglie portate dal vento, dobbiamo prenderci la responsabilità dei nostri atti. Egli diceva che qualsiasi cosa noi facciamo in questo mondo, sia che siamo vincitori o perdenti, siamo comunque tutti prigionieri di un sistema di interpretazione; ed in ogni caso viviamo tutti nel passato, in quello che è stato, ma mai nel momento presente.

Dopo di lui, per il seguito di Carlos Castaneda: Florinda Donner Grau, Taisha Abelar, Carol Tiggs ed i veggenti del suo lignaggio, la nostra essenza è diventare degli esseri percettori e la vera libertà è la libertà di percezione.

Una notte, mentre leggevo uno di questi libri la mia coscienza si è sfocata ed io mi sono ritrovato in un cielo immenso, circondato da nuvole di energia che fluttuavano. Ero pura consapevolezza, sentivo la pressione dell’Infinito ed avevo paura. Mi sono risvegliato con la sensazione che tutto ciò di cui parlava don Juan era vero. Esiste un altro anello di realtà dove nascono i miti, un altro regno dell’esistenza al quale possiamo accedere con la nostra consapevolezza…

la vita non si riduce ad agitarsi per i soldi, alla ricerca dell’amore perfetto, alla competizione per essere il migliore, a provare di salvare o cambiare il mondo… Ci sono altre cose, c’è un potere più grande nell’universo. Potevo sentirlo e dovevo semplicemente riconoscerlo.

Di colpo tutto tornava a posto. Non dovevo più portare il fardello del mondo intero, nè combattere per cercare di cambiare il mondo, ben sapendo che i miei sforzi sarebbero comunque stati vani…

Il mio viaggio nella Tensegrità è iniziato in quel momento, qualcosa si era risvegliato dentro di me.

Era quella parte di noi stessi che gli sciamani-veggenti chiamano il ‘corpo di energia’. Un doppio di noi stessi fatto di pura energia che è direttamente connesso a tutto ciò che esiste. Avevo scoperto che in questo mondo c’è più di quello che l’occhio può vedere, che l’invisibile agisce sul visibile e che con il potere del nostro intento possiamo influire sulla costruzione della realtà.

Come descriverebbe la Tensegrità alle persone che non la conoscono?

Direi che la Tensegrità è l’applicazione pratica e moderna degli insegnamenti degli sciamani dell’antico Messico a cui appartiene il lignaggio di don Juan Matus. La Tensegrità ci permette di pulire ed equilibrare la nostra vita con l’aiuto degli strumenti degli antichi veggenti – i movimenti o Passi Magici; la Ricapitolazione è una pratica che ci aiuta a rivedere alcuni momenti chiave della nostra vita al fine di vedere e comprendere le abitudini che ci governano; degli esercizi di sogno che ci permettono di incrementare il tempo trascorso nella consapevolezza intensa. Tutti questi elementi ci aiutano a raggiungere il nostro corpo di energia affinchè, sia mentre dormiamo che quando siamo svegli, possiamo disporre completamente della nostra migliore energia.

Riassumendo: la Tensegrità è un’arte di navigazione completa per questo viaggio di consapevolezza che noi chiamiamo la nostra vita, sia nella consapevolezza quotidiana che in altri livelli di consapevolezza. E’ il sogno dei veggenti di questo lignaggio ininterrotto per quanti di noi sceglieranno di viaggiare su questo percorso.

Cosa le ha dato la pratica della Tensegrità?

La prima cosa che ho sperimentato con la pratica dei movimenti e delle respirazioni di Tensegrità è uno stato di presenza e di benessere che il mio corpo non aveva mai sentito prima.

I Passi Magici mi hanno aiutato a connettermi con la consapevolezza della Terra, delle Stelle e di altre creature viventi… il mio corpo lo è tutt’ora. Essi mi hanno aiutato ad interrompere il flusso delle mie preoccupazioni, hanno portato in me il silenzio, mi hanno aiutato a sentire il mio corpo di energia, mi ha fatto ritrovare la sensazione della fiducia, della gioia, la percezione degli altri esseri e del mondo che mi circonda.

Grazie alla ricapitolazione delle scene più importanti della mia vita ho avuto modo di ripulire il mio rapporto con i miei genitori. Invece di vedere la mia esistenza iniziare alla mia nascita, cioè, al posto di vedere tutto a partire da me, ho capito tante cose su di loro e sui loro antenati. Con questa pratica sono arrivato alla conclusione che non dovevo giudicare i miei genitori perchè loro avevano solo fatto del loro meglio con quello che avevano ereditato dalle generazioni precedenti, ed ho finito per sentire una compassione immensa per tutti i miei predecessori e molta gratitudine per tutti coloro che mi hanno aiutato ed incoraggiato nella mia vita.

Questa combinazione di movimenti e ricapitolazione mi ha aiutato a connettermi con il mio corpo di energia, il che mi ha permesso di sognare e di far entrare qualcosa di nuovo nella mia vita. Durante il periodo in cui ho vissuto a Los Angeles ho sentito parlare della sienza sacra nascosta nel gioco delle 52 carte ed ho immediatamente sentito una profonda connessione con questa conoscenza. Questa scoperta mi ha portato ad un viaggio nel corso del quale ho conosciuto molti guaritori; ed è culminata con la scrittura di un libro: «La Cartomanzia degli Antichi Magi».

Possiamo veramente dire che la Tensegrità mi ha aiutato a trovare e a manifestare la passione della mia vita. Prima di conoscere la Tensegrità sono stato un giovane tipico, sempre confuso e alla ricerca di una direzione; con la Tensegrità ho trovato una direzione, la mia direzione, quella che corrisponde al mio cuore e alle mie reali risorse energetiche.

Com’è stato coinvolto in Cleargreen e qual’è stata la sua esperienza diretta di lavoro con gli apprendisti di Carlos Castaneda?

Il mio coinvolgimento in Cleargreen è avvenuto poco a poco nell’arco di molti anni per via del mio impegno in questa pratica. Don Juan aveva quattro apprendisti: Carlos Castaneda, Taisha Abelar, Florinda Donner Grau e Carol Tiggs, e la mia esperienza di lavoro con gli apprendisti dei quattro apprendisti di don Juan è stata molto intensa. Quando li ho visti la prima volta in alcuni Seminari internazionali, sono rimasto colpito per il sostegno che ho sentito venire da loro. E quando poi mi sono trasferito a Los Angeles questo sentimento si è intensificato.

Prima di allora non ero abituato a sentire un tale sostegno per il mio essere. Con gli altri, sia con la mia famiglia, che nelle diverse situazioni di lavoro che conoscevo, avevo sempre e soltanto conosciuto persone in competizione tra di loro. Il cui scopo era quello di rafforzare l’immagine di loro stessi, di sminuirsi in diversi modi gli uni con gli altri, o permettendo di essere sminuiti perchè attratti dal ruolo della vittima.

Quello che ho sperimentato con gli apprendisti degli apprendisti di don Juan Matus è un intento che non è allineato con delle preoccupazioni personali ma con l’intento dell’Infinito, un intento molto astratto, debordante di generosità, di gentilezza e compassione.

In che modo crede che la sua vita sia stata infuenzata dalla pratica della Tensegrità?

Come ho già menzionato, in quel momento della mia vita, la pratica della Tensegrità mi ha aiutato a trovare la vera passione della mia vita. A vent’anni lavoravo in Francia in una compagnia teatrale e quando mi sono trasferito negli Stati Uniti ho fatto diversi lavori ed avevo la sensazione di avere cambiato una scena di teatro con il teatro della vita.

Solo recentemente, al mio ritorno in Francia, a poco a poco ho realizzato che il mio ruolo di artista drammatico era finito. Ho capito che quello che avevo amato del teatro era la vita da nomade, il lavorare insieme ad un gruppo di gente ed anche il poter vivere momentaneamente la vita di diversi personaggi. Ma dentro di me la guarigione riecheggiava più profondamente. Per me non si trattava più di essere sulla scena, ma di aiutare, di guidare le altre persone a cambiare la loro vita e a connettersi con lo Spirito. Sentivo che stavo uscendo dalla luce dei proiettori, per così dire, ma nello stesso tempo sapevo la mia posizione non era mai stata così ancorata. Quello che facevo nella vita non era più basato sul mio desiderio di essere ammirato o sulla mia paura di non avere abbastanza, ma sulla gioia e l’apertura di cuore che avevo sentito con la Tensegrità e che sperimento ora ogni volta che lavoro con qualcuno nell’ambito della guarigione.

Essere al servizio e facilitare gli strumenti dell’evoluzione della consapevolezza va oltre me stesso ed uso questo sentimento di gioia come una bussola. Sento che ho trovato il mio cammino con un cuore, ed è il mio cammino con la Tensegrità che mi ci ha portato.

Sta scrivendo altri libri in questo momento? Quali sono i suoi progetti?

Il mio primo libro è un manuale sull’antica e sacra scienza della divinazione, della conoscenza di se stessi contenuta nel gioco delle 52 carte, ed ogni giorno sperimento la meraviglia di questa conoscenza, che è talmente profonda e precisa che può aiutare tante persone a crescere e a trasformarsi. Voglio continuare a divulgare questo lavoro ed aiutare la gente ad usarla nella loro vita. In questo momento sto lavorando ad un altro libro riguardo a questa conoscenza, tengo dei wokshop per insegnarla e faccio anche delle consultazioni private.

Lei terrà un Seminario di Tensegrità a Roma il prossimo aprile, potrebbe parlamene?

In questo Seminario, grazie al silenzio, che è la porta per il mondo dell’energia, potremo trovare un nuovo punto di vista ed una nuova direzione riguardo a qualche problema della nostra vita.

Durante quest’evento esploreremo e svilupperemo le nostre poblematiche con l’aiuto dell’arte dei veggenti chiamata il Teatro dell’Infinito, uno strumento presentato per la prima volta in Europa nel nostro precedente Seminario di Londra, nel novembre del 2012, organizzato dal Concord Institute in collaborazione con Cleargreen.

Il silenzio aquisito con la rapprentazione teatrale ci aiuta a liberarci dei ruoli che siamo abituati a recitare. Grazie a questo silenzio potremo connetterci agli elementi – all’acqua, alle piante, ai minerali, alle stelle – e sentiremo, esploreremo e riceveremo delle risposte e dei nuovi punti di vista.

Infine potremo percepire la nostra connessione con gli altri e saremo parte di un cerchio per da dare e ricevere.

Quest’evento è indirizzato sia ai praticanti esperti che ai principianti, ed è un’introduzione al prossimo Seminario che si terrà in Europa, che avrà luogo ad Amsterdam.

Quale consiglio pratico darebbe ad una persona che vorrebbe portare la Tensegrità nella sua vita di tutti i giorni?

Come per tutte le cose, il segreto è nella pratica, se vogliamo portare la Tensegrità nella nostra vita quotidiana dobbiamo iniziare ad informarci su quest’argomento, a conoscerlo. Possiamo andare a vedere il sito internet di Cleargreen, i DVD, o partecipare ad un evento di Tensegrità; in questo momento ce ne sono tanti e di diversi tipi. Una volta al mese c’è una Classe di Tensegrità che è tenuta in diretta, via internet, dallo studio di Los Angeles di Cleargreen; e presto saranno disponibili anche in streaming. Ci sono anche delle Serie di Classi locali di Tensegrità tenute dai Facilitatori di Tensegrità in formazione in tutti i gruppi di pratica del mondo. E tutti questi eventi conducono ai nostri Seminari, che sono degli avvenimenti più importanti. Il prossimo in Europa ci sarà nella regione di Schoorl, vicino Amsterdam, il 28 e il 30 giugno. Che sarà seguito da una giornata trascorsa in bicicletta, alla scoperta della quiete delle dune di sabbia in uno stato di consapevolezza intensa, insieme agli altri praticanti di Tensegrità.

Qualunque sia il modo in cui vi avvicinate alla Tensegrità, una pratica giornaliera di qualche minuto al giorno o notte, vi aiuterà enormemente a restare in connessione con la vostra essenza energetica e con la forza chiamata lo Spirito.

Intervista di Sadia Nassim per il Concord Institute

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...