18 Novembre – 16 Dicembre – Incontri di Tensegrità

25  Novembre, 2, 9 e 16 Dicembre   h. 16 – 18 presso la Palestra Il Fossolo Bologna, Incontri di pratica dei passi magici di Carlos Castaneda,  dedicati all’Intento e all’inizio di un percorso di risveglio del collegamento con il nostro corpo energetico. Gli incontri sono aperti a tutti praticanti esperti e nuovi arrivati. Richiesti abiti comodi, scarpe di ricambio pulite o calzettoni per la palestra, penna e quaderno. Gli Incontri di Tensegrity®  del sabato al Fossolo sono condotti dalla Facilitatrice certificata  Kilian Erthran .

 


Non sono io
sono colui che cammina accanto a me, senza che io lo veda,
che, a volte, sto per vedere,
e che , a volte, dimentico.
Colui che tace, sereno, quando parlo,
colui che perdona, dolce, quando odio,
colui che passeggia laddove non sono,
colui che resterà qui quando morirò. 

Juan Ramón Jiménez

 

La Tensegrità è la rielaborazione moderna proposta da Carlos Castaneda e dal suo seguito di alcuni movimenti chiamati Passi Magici che furono sviluppati da un lignaggio di sciamani messicani fin da epoca precolombiana, un gruppo di uomini e donne veggenti che intraprese un viaggio per accrescere la conoscenza espandendo i limiti della percezione umana. Essi scoprirono tutta una vasta serie di posizioni corporee per ripristinare l’energia all’interno della sfera luminosa del corpo energetico, producendo nuovi e inconcepibili stati di benessere e consapevolezza. Carlos Castaneda, Taisha Abelar, Florinda Donner-Grau, e Carol Tiggs, insieme al suo gruppo e agli Istruttori di Cleargreen, crearono la Tensegrità. Un organismo vivente di pratiche che racchiude ogni insegnamento ricevuto e si espande in ogni direzione. Non c’è più un lignaggio di un gruppo di guerrieri, ma moltissime persone, guerrieri di questa era moderna che continuano il viaggio verso la consapevolezza.

La Tensegrità ci permette di pulire ed equilibrare la nostra vita con l’aiuto degli strumenti degli antichi veggenti: i movimenti o Passi Magici; la Ricapitolazione, una pratica che ci aiuta a rivedere alcuni momenti chiave della nostra vita al fine di vedere e comprendere le abitudini che ci governano; gli esercizi di Sogno che ci permettono di incrementare il tempo trascorso nella consapevolezza intensa. Tutti questi elementi ci aiutano a raggiungere il nostro corpo di energia affinchè, sia mentre dormiamo sia quando siamo svegli, possiamo disporre completamente della nostra migliore energia. Il maestro di Carlos Castaneda, un indio Yaqui della provincia di Sonora in Messico e di Yuma in Arizona, conosciuto con il nome di don Juan Matus, diceva che il cambiamento deve avvenire prima all’interno di noi stessi e che se non vogliamo sentirci come delle foglie in balia del vento, dobbiamo prenderci la responsabilità dei nostri atti. Egli diceva che qualsiasi cosa noi facciamo in questo mondo, sia che siamo vincitori o perdenti, siamo comunque tutti prigionieri di un sistema di interpretazione; ed in ogni caso viviamo tutti nel passato, in quello che è stato, ma mai nel momento presente. Dopo di lui, per il seguito di Carlos Castaneda la nostra vera essenza è quella di esseri percettori e la vera libertà è la libertà di percezione. La Tensegrità è un’arte di navigazione completa per questo viaggio di consapevolezza che noi chiamiamo la nostra vita, sia nella consapevolezza quotidiana che in altri livelli di consapevolezza, è l’arte di adattarsi alla propria energia, all’energia della terra e dei suoi abitanti in un modo che sostenga l’integrità della comunità di cui facciamo parte.

Don Juan definiva la via dei guerrieri la gloria suprema degli sciamani dell’antico Messico, la considerava il contributo più alto, l’essenza della loro sobrietà.
– La via dei guerrieri è davvero così immensamente importante? – gli chiesi un giorno.
– Immensamente importante è un eufemismo. Essa è tutto. E’ l’epitome della salute fisica e mentale. Non potrei spiegarlo in altro modo. Che gli sciamani dell’antico Messico abbiano creato una struttura simile, per me significa che erano al culmine del potere, al vertice della felicità, all’apice della gioia. (105 La Ruota del Tempo, C.C.)

Secondo Don Juan, chiunque manifestasse anche il minimo interesse per il mondo degli antichi sciamani, veniva immediatamente  attirato nel cerchio del loro intento affilatissimo. Esso, sosteneva, era una realtà incommensurabile che nessuno di noi potrebbe mai contrastare. Inoltre, aggiungeva, non c’era alcuna necessità di combatterlo, dato che era l’unica cosa che contasse. Era l’essenza del mondo di quegli antichi sciamani, il mondo a cui i praticanti moderni ambivano sopra ogni altra cosa.  (66 La Ruota del Tempo, C.C.)

***

un Incontro € 12,00

richiesta la tessera UISP – Il Fossolo  2017/2018  € 16,00

 Info Kilian

 

****

****

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...