Tensegrità Bologna

I Passi Magici di Carlos Castaneda

non-fare

< Ti aveva detto che avresti dovuto scrivere con la punta di un dito invece che con la matita. Tu non gli hai dato retta, perché non riesci a immagnare come questo corrisponda al non-fare del prendere appunti. >…

< Don Juan disse che il prendere note era un modo di occupare la prima attenzione nel compito di ricordare, che io prendevo note allo scopo di ricordare i discorsi e le azioni. La raccomandazione di Don Genaro non era uno scherzo poiché lo scrivere con la punta di un dito su un pezzo di carta, equivalente al non-fare del prendere appunti, avrebbe obbligato la mia seconda attenzione a concentrarsi sul ricordare e non avrei accumulato fogli su fogli di carta. Don Juan pensava che alla fine il risultato sarebbe stato più presciso ed efficace che non lo scrivere appunti. Per quanto ne sapeva, nessuno l’aveva mai fatto, ma il principio era valido. >

< Benigno comperò una macchina fotografica da un rigattiere. Fece quattrocentoventicinque scatti senza aver messo la pellicola > 

Il Dono dell’Aquila, Carlos Castaneda

*  *  *  *  *  *  *  *

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Autore: Tensegrity Bologna

Blog del Gruppo Tensegrità Bologna condotto da Kilian Erthran, Facilitatrice di Tensegrity® Cleargreen.

I commenti sono chiusi.