30 Settembre – Incontro di Tensegrità

Sabato  30  settembre   h. 16 – 18 presso la Palestra Il Fossolo Bologna, Incontro di pratica dei passi magici di Carlos Castaneda,  dedicati all’Intento e all’inizio di un percorso di risveglio del collegamento con il nostro corpo energetico. L’incontro è aperto a tutti praticanti esperti e nuovi arrivati. Richiesti abiti comodi, scarpe di ricambio o calzettoni per la palestra, penna e quaderno. Gli Incontri e Classi di Tensegrity®  del sabato al Fossolo sono condotti dalla Facilitatrice certificata  Kilian Erthran .

La Tensegrità è la rielaborazione moderna proposta da Carlos Castaneda e dal suo seguito di alcuni movimenti chiamati Passi Magici che furono sviluppati da un lignaggio di sciamani messicani fin da epoca precolombiana, un gruppo di uomini e donne veggenti che intraprese un viaggio per accrescere la conoscenza espandendo i limiti della percezione umana. Essi scoprirono tutta una vasta serie di posizioni corporee per ripristinare l’energia all’interno della sfera luminosa del corpo energetico, producendo nuovi e inconcepibili stati di benessere e consapevolezza. Carlos Castaneda, Taisha Abelar, Florinda Donner-Grau, e Carol Tiggs, insieme al suo gruppo e agli Istruttori di Cleargreen, crearono la Tensegrità. Un organismo vivente di pratiche che racchiude ogni insegnamento ricevuto e si espande in ogni direzione. Non c’è più un lignaggio di un gruppo di guerrieri, ma moltissime persone, guerrieri di questa era moderna che continuano il viaggio verso la consapevolezza.

La Tensegrità ci permette di pulire ed equilibrare la nostra vita con l’aiuto degli strumenti degli antichi veggenti: i movimenti o Passi Magici; la Ricapitolazione, una pratica che ci aiuta a rivedere alcuni momenti chiave della nostra vita al fine di vedere e comprendere le abitudini che ci governano; gli esercizi di Sogno che ci permettono di incrementare il tempo trascorso nella consapevolezza intensa. Tutti questi elementi ci aiutano a raggiungere il nostro corpo di energia affinchè, sia mentre dormiamo sia quando siamo svegli, possiamo disporre completamente della nostra migliore energia. Il maestro di Carlos Castaneda, un indio Yaqui della provincia di Sonora in Messico e di Yuma in Arizona, conosciuto con il nome di don Juan Matus, diceva che il cambiamento deve avvenire prima all’interno di noi stessi e che se non vogliamo sentirci come delle foglie in balia del vento, dobbiamo prenderci la responsabilità dei nostri atti. Egli diceva che qualsiasi cosa noi facciamo in questo mondo, sia che siamo vincitori o perdenti, siamo comunque tutti prigionieri di un sistema di interpretazione; ed in ogni caso viviamo tutti nel passato, in quello che è stato, ma mai nel momento presente. Dopo di lui, per il seguito di Carlos Castaneda la nostra vera essenza è quella di esseri percettori e la vera libertà è la libertà di percezione.

Si può arrivare alla Tensegrità leggendo i libri di Castaneda, Taisha Abelar e Florinda Donner Grau, praticando i Passi Magici dalla libreria online, frequentando i seminari con gli Istruttori e gli incontri o le classi dei Facilitatori. Tutti i passi magici sono efficaci, risvegliano l’energia dei tendini, il tendere e rilasciare, l’azione e l’abbandono, tensione ed integrità, ed ogni passo o forma ha uno specifico intento. Praticandoli si ridistribuisce l’energia nella sfera luminosa, si muove il punto di assemblaggio e possiamo percepire nuove informazioni e nuovi sogni, migliorando noi stessi. I passi magici portano alla consapevolezza che ogni cosa, invece di essere una catena ininterrotta di oggetti è una corrente, un flusso. Siamo abituati a percepire nella vita quotidiana il mondo come qualcosa di scontato che si muove come si muove una catena ininterrotta di esseri con una consistenza materiale che ci sono, esistono, inspiegabilmente, senza connessione, e senza spiegazione. Viviamo immersi in un mondo di materia dove gli oggetti sono una catena ininterrotta che ha o, solo lo scopo di soddisfare le nostre esigenze o, non ha senso alcuno. La pratica dei passi magici ci porta alla consapevolezza non solo che non è così ma anche che sta cambiando il nostro modo di percepire. Non siamo circondati da una catena ininterrotta di oggetti in sè inspiegabile o insignificante. Questa percezione di un flusso o armonia tra gli esseri che compongono questo universo può essere un primo passo verso la seconda attenzione, il vedere l’energia o l’essenza dell’universo. La Tensegrità è un’arte di navigazione completa per questo viaggio di consapevolezza che noi chiamiamo la nostra vita, sia nella consapevolezza quotidiana che in altri livelli di consapevolezza, è l’arte di adattarsi alla propria energia, all’energia della terra e dei suoi abitanti in un modo che sostenga l’integrità della comunità di cui facciamo parte.

Don Juan definiva la via dei guerrieri la gloria suprema degli sciamani dell’antico Messico, la considerava il contributo più alto, l’essenza della loro sobrietà.
– La via dei guerrieri è davvero così immensamente importante? – gli chiesi un giorno.
– Immensamente importante è un eufemismo. Essa è tutto. E’ l’epitome della salute fisica e mentale. Non potrei spiegarlo in altro modo. Che gli sciamani dell’antico Messico abbiano creato una struttura simile, per me significa che erano al culmine del potere, al vertice della felicità, all’apice della gioia. (105 La Ruota del Tempo, C.C.)

Secondo Don Juan, chiunque manifestasse anche il minimo interesse per il mondo degli antichi sciamani, veniva immediatamente  attirato nel cerchio del loro intento affilatissimo. Esso, sosteneva, era una realtà incommensurabile che nessuno di noi potrebbe mai contrastare. Inoltre, aggiungeva, non c’era alcuna necessità di combatterlo, dato che era l’unica cosa che contasse. Era l’essenza del mondo di quegli antichi sciamani, il mondo a cui i praticanti moderni ambivano sopra ogni altra cosa.  (66 La Ruota del Tempo, C.C.)

***

un Incontro € 12,00

richiesta la tessera UISP – Il Fossolo  2017/2018  € 16,00

 Info Kilian

 

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

****

****

 

Annunci

16 Settembre – Incontro di Tensegrità

Sabato  16  settembre   h. 16 – 18 presso la Palestra Il Fossolo Bologna, Incontro di pratica dei passi magici di Carlos Castaneda,  dedicati all’Intento e all’inizio di un percorso di risveglio del collegamento con il nostro corpo energetico. L’incontro è gratuito e aperto a tutti praticanti esperti e nuovi arrivati.  Seguiranno ogni sabato alla stessa ora Incontri e Classi di Tensegrity® condotti dalla Facilitatrice Kilian Erthran . Richiesti abiti comodi, scarpe di ricambio o calzettoni per la palestra, penna e quaderno.

La certezza fisica che il mondo è fatto di oggetti concreti. Io la definisco base sociale perché tutti esercitano un serio e considerevole sforzo per condurci a percepire il mondo così.  (L’Arte di Sognare C.C.)

La reminiscenza collettiva di massa crea il mondo che siamo abituati a percepire come materiale. In tal senso la pratica del Silenzio Interiore fa “crollare il mondo” cioè ci permette di sospendere la descrizione del mondo e accedere alla percezione diretta dell’energia. Praticheremo i Passi Magici condividendo l’Intento degli sciamani messicani che li svilupparono fin da epoca precolombiana  per accrescere la conoscenza espandendo i limiti della percezione umana.   Tutti i passi magici sono efficaci,  risvegliano l’energia dei tendini, il tendere e rilasciare, promuovono una relazione bilanciata tra tensione ed integrità, azione e riposo, ed ogni passo ha uno specifico intento. I passi magici promuovono la percezione dell’energia come tale, permettendoci di scoprire che la percezione materiale del mondo  è soltanto una forma della nostra interpretazione. Praticandoli si ridistribuisce l’energia nella sfera luminosa, si muove il punto di assemblaggio e possiamo percepire nuove informazioni e nuovi sogni, entrare nella seconda attenzione, migliorando noi stessi.

 

Don Juan definiva la via dei guerrieri la gloria suprema degli sciamani dell’antico Messico, la considerava il contributo più alto, l’essenza della loro sobrietà.
– La via dei guerrieri è davvero così immensamente importante? – gli chiesi un giorno.
– Immensamente importante è un eufemismo. Essa è tutto. E’ l’epitome della salute fisica e mentale. Non potrei spiegarlo in altro modo. Che gli sciamani dell’antico Messico abbiano creato una struttura simile, per me significa che erano al culmine del potere, al vertice della felicità, all’apice della gioia. (105 La Ruota del Tempo, C.C.)

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

****

****

 

Incontri di Tensegrità – Marzo

Sabato  4 – 11 – 18 – 25  marzo 2017   h. 16 – 18 presso la Palestra Il Fossolo Bologna,  incontri di pratica dei Passi Magici di Carlos Castaneda,  dedicati ad un percorso di recupero della nostra energia e vitalità allineandoci al ciclo della stagione e  dell’equinozio di primavera.

Consigliati abiti comodi, calzettoni o scarpe di ricambio per la palestra, penna e quaderno. Gli incontri sono aperti a tutti, esperti e nuovi praticanti. Gli incontri di gruppo sono interattivi, la chiave è la totale partecipazione. Verranno ripassate le forme apprese recentemente e quelle che ci aiutano a riattivare la nostra vitalità, mappature, rintracciamento dell’energia e ricapitolazione. Praticheremo le tecniche dei passi magici, dell’agguato e del sognare, per aiutarci a mettere in chiaro e  animare i nostri campi energetici, sollevare le vibrazioni della consapevolezza, espandere la nostra percezione e connetterci più consapevolmente con i cicli dei nostri stessi esseri e del mondo che ci circonda.

***

imgres

I guerrieri viaggiatori recuperata l’originale capacità di percepire e vedere l’energia arrivano inevitabilmente alla certezza che ogni istante vissuto ha senso solo se anziché disperdere l’energia se ne  acquisisce di nuova. Tra i tanti tipi di potere che abbondano nell’universo, i nuovi veggenti hanno scelto di abbandonare le antiche ritualità e le ossessioni di potere personale e si dirigono inflessibilmente verso l’astratto. (Kilian Erthran)

***


Praticheremo i Passi Magici condividendo l’Intento degli sciamani messicani che li svilupparono fin da epoca precolombiana per accrescere la conoscenza espandendo i limiti della percezione umana. Tutti i passi magici descritti da Castaneda o dagli Istruttori sono efficaci,  risvegliano l’energia dei tendini, il tendere e rilasciare, promuovono una relazione bilanciata tra tensione ed integrità, azione e riposo, ed ogni passo ha uno specifico intento. I passi magici promuovono la percezione dell’energia come tale, permettendoci di scoprire che la percezione materiale del mondo è soltanto una forma con cui noi stessi lo interpretiamo.

Gli strumenti chiave della pratica di Tensegrity® sono:

  • Magical Passes®: la versione moderna di movimenti e posizioni del corpo e respirazioni, scoperti dai veggenti del Messico antico in stati di consapevolezza chiamati sognare, che aiutano a sintonizzare il proprio corpo energetico; ed a ripristinare un sano flusso fisico ed energetico nel proprio essere.
  • Ricapitolazione: rivedere le proprie esperienze di vita con il supporto dell’attenzione e del respiro. Questo viene fatto per recuperare l’energia vitale lasciata nelle proprie interazioni e per assumersi la responsabilità della propria vita senza giudicare.
  • Theater of Infinity™ (Il Teatro dell’Infinito): è strettamente legato ai Passi Magici, in particolare a quelli che evocano la consapevolezza di altre forme di vita. Nel ‘Teatro’ inteso come una pratica di consapevolezza, mettiamo in atto scene della nostra vita. Questa coscienza dà maggiore contesto alla nostra esperienza umana, ed aiuta a rompere la certezza e il giudizio sui ruoli che abbiamo assunto nella vita; ci aiuta a vedere e a liberarci anche di quei ruoli che potremmo aver preso da altri, portandoci una più profonda empatia ed una maggiore libertà di scelta.
  • l’Arte di Sognare è l’arte di essere presenti: è l’arte di riconoscere nuove possibilità e di lavorare con il proprio veggente interiore ― la nostra bussola interiore, che è collegata all’intelligenza dell’infinito.
  • il Silenzio interiore è una pratica quotidiana in cui facciamo una pausa… ci sediamo o ci sdraiamo per ascoltare il nostro veggente interiore.

Nella pratica di queste tecniche siamo guidati dalla premessa che ‘L’Affetto è la forma più alta di intelligenza‘. Affetto verso sé stessi, per gli altri, per la straordinaria bellezza di questo mondo. L’affetto per questo momento.” www.cleargreen.com

 

 

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Introduzione alla Tensegrità

14 & 21 Gennaio – Incontri di Tensegrity®

14, 21 Gennaio
Palestra Il Fossolo 

h 16,00 – 18,00
Bologna

donna_stelle

Il sognare è una porta per l’infinito … l’arte sofisticata di spostare la percezione dalla sua posizione abituale, per aumentare e allargare le possibilità percettive


Don Juan Matus 

Per Carlos Castaneda i veggenti del Messico sapevano che l’uomo moderno potrebbe ritrovare il silenzio, l’abilità di focalizzare l’attenzione e riattivare il sognatore che gli appartengono per diritto di nascita, ed essi lo usano ancora, nel loro tempo attuale, per vedere l’immensità oltre la meraviglia. Secondo Carol Tiggs siamo amore, infinito, semplice e puro. Abbiamo fatto un accordo per venire qui, per fare un viaggio di consapevolezza, e mentre espandiamo la nostra consapevolezza in ciò che i veggenti chiamano il Tonal, o mondo del nostro accordo quotidiano, la consapevolezza dell’infinito si espande. Possiamo così tenere chiari, equilibrati bilanci riguardo a dove siamo stati, e dove vorremmo andare. In questo Incontro praticheremo i passi magici e l’agguato per scovare dove abbiamo allocato la nostra energia in specifiche aree delle nostre vite, e prenderemo ciò che avremo così appreso per intentare specifiche azioni per un gioioso anno nuovo. Praticheremo le tecniche dei passi magici e dell’agguato  intentando il cambiamento che dal silenzio interiore maggiormente sogna il nostro cuore. Recupereremo così luce ed energia, avremo la possibilità di focalizzare e intensificare la nostra attenzione e il nostro corpo sognante tornerà ad esprimersi.

Consigliati abiti comodi, scarpe di ricambio per la palestra, penna e quaderno. L’incontro è aperto a tutti, esperti e nuovi praticanti.  Info  Kilian Erthran

Sabato 8 Ottobre – Tensegrità

Sabato  8  ottobre 2016   h. 16 – 18 presso la Palestra Il Fossolo Bologna,  incontro di pratica dei Passi Magici di Carlos Castaneda,  dedicati all’Intento e ad un percorso di risveglio del collegamento con il nostro corpo energetico. Consigliati abiti comodi, calzettoni o scarpe per la palestra, penna e quaderno. L’incontro aperto a tutti, esperti e nuovi praticanti. Verranno praticati passi per l’Intento e per realizzare i nostri sogni qui ed ora insieme al sogno della madre terra.

L’arte del sognare

“Che cosa volete?” chiese il nagual Carlos Castaneda ad un gruppo di studenti riuniti in una palestra a Santa Monica. “Qual’è il vostro desiderio più grande?” domandò loro Florinda Donner-Grau. “Avete ricapitolato, avete rivisto la vostra vita per un certo periodo. Adesso avete energia energia per sognare.  Così vi faccio la stessa domanda che don Juan fece a me, la stessa domanda che ho fatto a ciascuno di voi quando vi ho incontrato la prima volta: ‘Qual’è il desiderio che viene dal vostro cuore?'” Gli studenti presero un momento di pausa. “Forse qualcuno non si ricorda che già gli avevi fatto questa domanda,” Florinda Donner-Grau disse al nagual. “Fare attenzione,” disse il nagual, “ricordare nuove informazioni, o nuovi interrogativi richiede energia. E serve energia per sapere che cosa si vuole e addirittura più energia per reclamarlo! Così – Che cosa volete? Eh?”
“Io voglio sognare!” esclamò uno studente. “Sognare che cosa?” domandò il nagual. Lo studente fece una pausa. “Voglio essere parte di una squadra che collabora per costruire una comunità,” disse con calma un’altra studentessa, “in cui la gente possa vivere bene e dove possa  beh, io non lo so,” esitò, “è un sogno veramente grande “. “Che cosè? Continua!” disse Florinda. “Beh, mi piacerebbe che fosse in grado di generare il suo proprio potere, e che abbia alberi da frutto e un orto, e molti spazi di ritrovo, un posto in cui ciascuno possa partecipare alle decisioni, dove la gente non debba avere due lavori per pagare l’affitto e per dar da mangiare alla propria famiglia.” “E?” chiese Florinda. “E?” l’apprendista domandò a sua volta. “Ho il coraggio di sognare questo?”
“Si!” dissero all’unisono Florinda e il nagual. Risero tutti insieme.”Siamo catturati dalla nostra paura,” disse il nagual, “paura di non essere abbastanza, oppure abbiamo paura che gli altri dicano ‘No’! E manteniamo i nostri sogni piccoli.”
“Così, come va con tua sorella?” chiese Florinda. “Mia sorella?” chiese la studentessa. “Andiamo d’accordo,” farfugliò, “non troppo male, bene.” “Davvero?” domandò Florinda. “Beh, c’è solamente una cosa. Io vorrei veramente che lei venisse con la sua famiglia a trovarmi a Los Angeles, ma non viene da molti anni.” “Vuoi dire che dice No?” chiese Florinda. “Si,” disse la studentessa. “Sono sempre io che devo andare a trovare LEI. Ma mi chiedo, questo che cosa ha a che fare con il mio sogno?”
“Tutto!” Disse il nagual. “Se vuoi farcela in una comunità, potresti cominciare a fare progressi nella comunità con tua sorella-sognare lei e il tuo rapporto con lei.” “Siamo di gran lunga più abituati da avere incubi che a sognare!” aggiunse Florinda.
“Vero,” il nagual convenne. “Recentemente, abbiamo praticato i passi magici del Serpente Piumato,” continuò, “una forma mitica che ci da la libertà di integrare la terra e il cielo, il corpo di sogno e il sé, riconoscendo che siamo davvero in un sogno. Adesso, impariamo la sua controparte – Il serpente della terra che canta – una forma progettata per aiutarci a praticare l’arte di un sognare specifico qui e adesso, su questa terra!” Gli studenti si sparsero nella sala e cominciarono a muoversi, seguendo i movimenti di Florinda e del nagual, ondeggiando da una parte all’altra, bilanciandosi da un piede all’altro, respirarono apertamente e mossero i centri che erano stati addormentati per lungo tempo. Ad un certo punto, mentre giacevano proni sul pavimento, ogni studente cominciò ad emettere un mormorio. Poi si sedettero e con la bocca chiusa emisero un mormorio si alzarono e emisero un mormorio fino a che finalmente l’aria intorno a loro divenne una massa vibrante di suono. “Che cosa sentite?” sussurrò il nagual dopo un momento di quiete. “Che sto vibrando nel mio interno in sintonia con il mio esterno!” disse uno studente.

la_serpiente_arcoiris“Sento un formicolio dalle cellule,” disse un altro. “Sento che siamo tutti collegati,” disse un terzo. “State percependo la vostra essenza,” disse il nagual, “che è l’intento stesso, vibrante, vivo, delizioso! L’intento è affettuoso, la rete che organizza l’universo. Da questo punto potete tracciare il sentiero dell’intento nella vostra vita e come si collega con quello della vostra ascendenza. Potete cominciare a sognare con uno scopo.” “Tutto il sognare, in un modo o nell’altro, è sognare collettivo,” il nagual continuò. “questo ci porta al secondo cancello del sognare. Non intraprendiamo un nuovo sogno isolati. Anche i nostri sogni sono connessi con altri’. Come don Juan mi faceva notare, la consapevolezza è un ambiente reale, in cui le informazioni viaggiano istantaneamente, proprio come succede all’interno di qualsiasi sistema di tensegrità, da una singola cellula all’universo in largo.”
“Ora, che dici di tua sorella? Come ti senti adesso?” Florinda disse alla studentessa che aveva espresso il suo sogno. La studentessa sorrise, i suoi occhi erano raggianti: “Beh, da questo nuovo posto, la questione della sua visita non è così importante. Posso andare a trovarla. Mia sorella è davvero un grande regalo nella mia vita-ci sono così tante cose meravigliose che abbiamo fatto insieme ”
“Traccia quei momenti!” disse il nagual, “tendigli l’agguato-a quegli eventi di ‘SI!’ Scrivili! E condividili. E metti l’attenzione su quegli eventi, in cui le porte erano aperte, piuttosto che mettere l’attenzione sui momenti ‘No’ e annodarti con essi. Lascia che quei momenti ‘Si’ formino il sentiero che segui con tua sorella, con chiunque, con ogni cosa nella tua vita.” “Voglio sentirmi sempre così” disse la studentessa.
“Una parte di te, una parte di ciascuno qui, ha avuto questa sensazione tutta la vita!” disse il nagual. “E’ solo che voi non sapevate come accedervi costantemente – quella fiamma di infinito dentro, allungandosi per toccare e mischiarsi con i sogni di altri – quelli che sono come i vostri e quelli diversi -interagendo con tutta quella diversità infinita. Si!” (Tratto da un seminario Cleargreen)

 dateottobre2016_2

 Info Kilian

Introduzione alla Tensegrità

www.cleargreen.com

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

****

****

Domenica 26 Giugno – Tensegrity

passi magici di Carlos Castaneda, un metodo di espansione della consapevolezza nella tradizione degli antichi sciamani del Messico

  Domenica 26 giugno 2016

appuntamento alle 15,30 

Entrata Parco Talon Bologna

↓ 

7532028

Entrata Talon tra Via dei Bregoli e Via Panoramica

 

Condizioni climatiche permettendo praticheremo all’interno del Parco Talon, in caso di pioggia l’incontro verrà sospeso. Mezzo di trasporto autobus N° 20 – direzione Casalecchio – fermata Parco della Chiusa di Casalecchio o anche Parco  Talon. Per chi viene in auto l’entrata è dalla Via Panoramica venendo da Via Porrettana direzione Casalecchio. Attenzione non parcheggiare l’auto in Via Panoramica, i vigili fanno la multa! Parcheggiare invece in Via Francesco Baracca nella parte più interna che si riconnette a   Via Enrico Fermi.

 

L’appuntamento è alle 15.30 all’entrata del Parco, esattamente tra

Via dei Bregoli e Via Panoramica,

in seguito per la pratica ci sposteremo all’interno di uno dei prati del parco. Abiti a strati e tappetino o altro per sedersi a terra.

***
“… Non riuscivo a contare tutti i cinguettii degli uccelli o i ronzii degli insetti, ma ero persuaso di ascoltare ciascun suono separato mentre era prodotto. Insieme creavano l’ordine più straordinario … Era un ordine di suoni con una struttura; vale a dire, ciascun suono si presentava in sequenza. … Dopo un attimo di attento ascolto pensai di aver compreso la raccomandazione di Don Juan di osservare buchi tra i suoni. La struttura dei rumori aveva degli spazi tra i suoni! Per esempio, gli specifici fischi di uccelli erano sincronizzati e presentavano delle pause tra loro, e così era per tutti gli altri suoni che percepivo. Lo stormire delle foglie era come una colla che li fondeva in un ronzio omogeneo. L’aspetto più evidente era che il tempo di ogni suono formava un’unità della struttura complessa dei suoni, quindi gli spazi o pause tra i suoni erano, se prestavo attenzione, buchi di una struttura …”
Don Juan.     –  Una Realtà Separata, Carlos Castaneda
Praticheremo le tecniche dei passi magici,  intentando attraverso il movimento del nostro corpo fisico e di tutti i nostri campi energetici insieme lo stato di silenzio interiore, l’ascolto dei suoni del mondo e la percezione dei buchi nella struttura complessa dei suoni. Potranno essere praticati diversi  passi magici per il silenzio interiore e “Il Passo di Olinda”,  la controparte di Don Juan. Olinda era ed è un essere che viaggia sul suono. Olinda emette un ronzio … zzzzzz…. e questo suono è l’araldo di un essere dell’universo, una falena, il guardiano della seconda attenzione. L’incontro è aperto sia a praticanti esperti sia a nuovi arrivati,  info Kilian
***
 cropped-13342918_1040602382691134_6580329923489487386_n.jpg

Introduzione alla Tensegrità

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

 

 

Domenica 22 Maggio – Tensegrity

passi magici di Carlos Castaneda, un metodo di espansione della consapevolezza nella tradizione degli antichi sciamani del Messico

  Domenica 22 maggio 2016

appuntamento alle 15,30 

Entrata Parco Talon Bologna

↓ 

7532028

Entrata Talon tra Via dei Bregoli e Via Panoramica

 

Condizioni climatiche permettendo praticheremo all’interno del Parco Talon, in caso di pioggia l’incontro verrà sospeso. Mezzo di trasporto autobus N° 20 – direzione Casalecchio – fermata Parco della Chiusa di Casalecchio o anche Parco  Talon. Per chi viene in auto l’entrata è dalla Via Panoramica venendo da Via Porrettana direzione Casalecchio. Attenzione non parcheggiare l’auto in Via Panoramica, i vigili fanno la multa! Parcheggiare invece in Via Francesco Baracca nella parte più interna che si riconnette a   Via Enrico Fermi.

 

L’appuntamento è alle 15.30 all’entrata del Parco, esattamente tra

Via dei Bregoli e Via Panoramica,

in seguito per la pratica ci sposteremo all’interno di uno dei prati del parco. Abiti a strati e tappetino o altro per sedersi a terra. Praticheremo le tecniche dei passi magici,  intentando attraverso il movimento del nostro corpo fisico e di tutti i nostri campi energetici insieme, ciò che il nostro veggente interno dal silenzio interiore maggiormente sogna. Faremo una rivisitazione dei Passi Magici appresi durante l’inverno,  potranno essere praticati i passi magici “Mappare il Corpo Energetico in Movimento” e “La Predilezione di Amalia”, previste eventuali variazioni e o ripasso di altre forme. L’incontro è aperto sia a praticanti esperti sia a nuovi arrivati,  info Kilian

***
“… Se non emergeva l’attenzione di sogno, i praticanti potevano sperare al massimo di avere sogni lucidi su mondi fantasmagorici. …”
Don Juan.     –  Tensegrità, Carlos Castaneda
quetzal
***

Introduzione alla Tensegrità

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.